Ai Weiwei. Libero

#SaveTheDate | Palazzo Strozzi, Firenze. Dal 23 settembre 2016 al 22 gennaio 2017

Ai Weiwei (Beijing, 1957) è uno degli artisti più celebrati della contemporaneità. Le definizioni di performer, attivista, videomaker, fotografo, artista concettuale, designer, architetto, scultore, pittore sono tutte vere e al tempo stesso inesatte o imprecise. Provocatore antisistema, intellettuale dissidente ha conosciuto le prigioni cinesi ma ha anche avuto il privilegio di progettare, con altri, lo stadio a nido d’uccello per le Olimpiadi di Pechino.

A Firenze sono arrivate le sue opere pensate per produrre un forte impatto estetico.

Cosa c’è in questa mostra. In mostra ci sono le opere considerate tra le più significative del percorso artistico di Ai Weiwei, dagli anni Ottanta a oggi: dai primi assemblaggi di utensili ai recenti progetti sulle migrazioni.

Di che cosa parla questa mostra. Come spesso accade nella ricerca di Ai Weiwei le sue opere sono una riflessione sulle inefficienze del potere politico. Un dialogo dissacrante ma piena di impegno civile. L’artista utilizza materiali come il legno huali, la giada e la porcellana per reinterpretare la tradizione cinese.

Altre informazioni

aiweiwei

Written By

ARTE.MODA.TENDENZE.CULTURA