Il gusto dell’in-edito

Le atmosfere partenopee sono piaciute al designer di originari ucraine Alexey Kondakov che a Napoli (dal 22 agosto al 5 settembre del 2016) stato il primo protagonista del progetto Artist in Recidence, promosso da ShowDesk. Con una serie di 16 opere in-edite, Art History in Contemporary Life, Kondakov ha creato un percorso narrativo della città che prosegue la sua ricerca artistica.

Da diverso tempo, infatti, il suo lavoro si concentra  su immagini assemblate e rimontate che vedono luoghi e non-luoghi profondamente quotidiani fare da cornice a soggetti pittorici provenienti dalla storia dell’arte. Un connubio estetico che vede soluzioni in-edite fondersi con materiale edito. I suoi avvincenti mash-up, diventati ormai un vero e proprio fenomeno viral, sono finestre virtuali appoggiate sulla protesi della memoria, in nome di una sottile riflessione che dai  tempi di Caravaggio, Bouguereau o Hayez, è la riflessione dell’arte. Immagini in perenne stato di assemblaggio che invitano gli osservatori a confrontarsi con l’esperienza di un ponte sospeso tra due mondi.

Alexey Kondakov vive e lavora a Kiev, nella bellissima capitale ucraina, dove ha studiato grafica presso la Kiev National University of Technologies and Design. Ha partecipato a diverse mostre in tutto il mondo, ma il successo è arrivato dai social network, grazie alla condivisione viral del suo progetto “2Reality”, ambientato nella realtà urbana di Kiev.

di Francesca Londino

Tags from the story
,
Written By

ARTE.MODA.TENDENZE.CULTURA