Veneri e pistole

Opere forti, aggressive, che comunicano senza mezzi termini. Nascono da una tagliente esigenza di capire e interrogare i risvolti della realtà sociale.

Strumento analitico per Thom Puckey è la scultura, usata per ricercare e scoprire le dinamiche concrete che connotano i comportamenti umani. Sono opere che mettono in scena una seducente violenza, coinvolgendo lo spettatore nell’atmosfera di una gelida fiction. Il tempo è sospeso e lo spazio viene esaltato da Veneri contemporanee, cristallizzate nel marmo, pronte a prendere il sopravvento, ad attaccare. La bellezza dà scacco all’aggressività che accompagna il fenomeno sociologico indagato dall’artista: il mondo sotterraneo delle donne armate (quasi 20 milioni solo in America) per passione, per lavoro o (forse) per un atavico attaccamento alla vita. Sono sculture che richiedono un lungo e rigoroso processo creativo perchè inseguono le tecniche dei maestri del passato. La sintesi straordinaria tra innovazione e tradizione, lo scontro incessante tra la ricerca della perfezione e il desiderio umano di sopraffazione creano un effetto ricco di po.etici contrasti sottintesi.

di Francesca Londino

Tags from the story
,
Written By

ARTE.MODA.TENDENZE.CULTURA