Willy Verginer

La natura e l’intervento umano, la leggerezza e la pesantezza, la semplicità del materiale e l’originalità delle soluzioni estetiche e formali: nelle opere di Willy Verginer traspare la volontà di far convivere elementi apparentemente contrastanti.

Tutte queste caratteristiche si ritrovano nella sua ricerca artistica: sculture che mostrano un visibile oltre il visibile, reso con legno naturale e colorato, secondo un insolito mix di artificio o verismo. Figure umane magicamente inquietanti, in legno di tiglio, abete, melo o pero, che costringono l’osservatore a interferire attraverso l’immaginazione. Il colore brillante distribuito su parti del volto o del corpo interviene come metafora di un magico sovvertimento della superficialità dell’esistenza. Opere che si muovono all’interno della stessa contraddizione: alla modestia di un materiale arcaico come il legno si contrappone il desiderio di attirare verso di sé l’intangibile e il sogno. Contemporaneità e tradizione, sperimentazione e memoria si fondono per aprirsi agli immaginari nel mondo. La scultura diventa così un mezzo che ri-prende e ri-elabora il reale per tentare di andare oltre la sua fissa, ovvia presenza.

Willy Verginers, affermato scultore altoatesino, vive e lavora a Ortisei, dove ha studiato pittura presso l’Istituto d’Arte. Ha lavorato in vari laboratori di scultura lignea della Val Gardena, assimilando le linee guida di una lunga e importante tradizione territoriale che, negli anni, lo hanno portato a sviluppare una poetica e una linea artistica tutta sua.

di Francesca Londino

Written By

ARTE.MODA.TENDENZE.CULTURA